FAQ

Durante la prima configurazione hai la necessità di permettere a domoki di comunicare la sua presenza al nostro cloud fornendo al domoki stesso una connessione dati attiva. Durante il normale funzionamento, internet non è fondamentale. Ti serve per accedere all’impianto da fuori tramite l’app. In casa è comunque necessaria la wi-fi per la connessione reciproca dei domoki.

In almadom.us teniamo molto agli aspetti legati alla sicurezza per questo motivo abbiamo sviluppato i nostri software dedicando la massima attenzione al tema. Il nostro team di sviluppo è composto da esperti del settore. Possiamo assicurarti che l’intero sistema rispetta i massimi livelli di sicurezza informatica disponibili attualmente.

No, ognuno dei 3 attuatori (relè) di ogni domoki può funzionare come interruttore, pulsante o deviatore.

Assolutamente no, un normale impianto elettrico è adatto a domoki.

Il sistema domoki continuerebbe a funzionare all’interno della casa perché le impostazioni vengono salvate localmente nel sistema operativo di ogni domoki, compresa la programmazione del termostato. Quando internet tornerà disponibile, domoki penserà ad allinearsi con il cloud, permettendoti di usare di nuovo la tua app mobile.

No, domoki deve essere alimentato dalla rete elettrica di casa.

No, domoki è un punto di accesso all’impianto (touch e vocale). Decidi tu quanti domoki vuoi e dove metterli (minimo uno vicino al router).

E’ totalmente indipendente. Ogni domoki è una “centralina”. A differenza delle centraline sul mercato, ha anche sensori, attuatori e comando vocale tramite mic e cassa.

Certamente! Domoki e la sua app ti offrono confort, sicurezza e risparmio in un’unica soluzione.

Certamente! Puoi configurare più abitazioni e per ogni abitazione, più domoki e più accessori wireless.

Certamente! Invita i tuoi famigliari a condividere l’accesso alla centralina della vostra abitazione.

Dal touch puoi accedere all’interfaccia di gestione del termostato e utilizzare i pulsanti/interruttori.

In alcune situazioni, la temperatura ambiente che il termostato visualizza può essere diversa da un altro termostato o termometro. Ciò è generalmente dovuto alle differenze tra i termostati, la posizione del termostato stesso, o le attività del termostato. Sulla base dei dati raccolti, abbiamo scoperto che domoki ha una precisione media entro 2 gradi Celsius nel 99% dei casi. Domoki utilizza 3 sensori di temperatura per determinare la temperatura nella vostra casa con un alto grado di precisione. Questi sensori lavorano in sincronia per offrirvi il maggior comfort possibile. Inoltre, analizziamo continuamente i dati e aggiorniamo gli algoritmi software di domoki per migliorare la precisione della temperatura. Esistono però altri fattori che possono contribuire a rendere differenti le temperature tra domoki e un altro termostato o termometro. Non tutti i termostati sono uguali; i produttori di termostati utilizzano vari sensori e metodi per calcolare la temperatura ambiente nella vostra casa. Così a volte possono arrivare a diverse misure ambientali. Se si regola il termostato più volte in un breve periodo di tempo, se il display è acceso per un lungo periodo, se è attivo il download di un aggiornamento del software e via dicendo, i circuiti interni nel termostato possono essere più caldi. Ciò può far pensare al termostato che la temperatura ambiente è superiore a quella reale e forse ritardare il riscaldamento o attivare il raffreddamento quando non è necessario.I sensori di temperatura del termostato lavorano insieme per monitorare variazioni della temperatura ambiente, nonché eventuali variazioni di temperatura all’interno del termostato provocata dai circuiti elettronici. Domoki utilizza questi dati dei sensori per compensare in tempo reale i cambiamenti della temperatura interna per ottenere una lettura precisa della temperatura ambiente e raffreddare o riscaldare quando è effettivamente necessario.Ma non importa quale sia la temperatura che il vostro termostato vi comunica, la cosa più importante da ricordare è che si dovrebbe abbassare la temperatura quando si avverte troppo caldo.Inoltre ricorda che spesso domoki viene installato in posizione più bassa rispetto ad un tradizionale termostato. Per questa ragione, dalla scheda “impostazioni” del domoki stesso (fai uno slide verso l’alto sul touchscreen di domoki) puoi intervenire modificando la temperatura rilevata per adattarla al tuo modo di percepirla.

No, domoki supporta solo le reti a 2,4GHz

Controlla che il tuo router non abbia abilitato l’opzione AP Isolation.

Certamente, installare domoki è molto semplice, un qualsiasi elettricista sarà in grado di installarlo in pochi minuti. Può trovare il manuale e il video corso nella pagina dedicata all’installazione.

Chiamaci, ti aiuteremo a trovarne uno vicino a casa tua.

Certamente, chiedi al tuo elettricista. Esistono già molti punti vendita dove potrà trovare domoki.

Certo, puoi acquistare domoki e i suoi accessori sul nostro shop www.domoki.it/shop .

Puoi visualizzare la fattura del tuo ordine andando sulla pagina “Il mio account” e selezionando l’ordine di tuo interesse troverai la voce “Fatture” con l’elenco delle fatture emesse per quell’ordine. Le fatture vengono emesse con cadenza mensile.

Con domoki puoi controllare l’apertura e la chiusura di elettrovalvole. Sia in modalità wireless (disponibile a breve), sia via cavo se le elettrovalvole dispongono di un circuito di comando con contatto pulito. Le elettrovalvole possono essere installate sia su ogni singolo termosifone sia sulle tubature di andata dell’acqua che accedono al tuo appartamento. Nel primo caso potrai gestire temperature diverse per ogni stanza, nel secondo caso invece solo a livello di appartamento. Ti consigliamo però di rivolgerti al tuo installatore idraulico per maggiori informazioni.

Compila il form all’indirizzo www.domoki.it/contatti e riceverai i dettagli.

Domoki è disponibile presso diversi distributori di materiale elettrico nostri partner. Trovali nella pagina “sei un professionista?”, oppure compila il form all’indirizzo www.domoki.it/contatti e sarai contattato.

LorenzoFAQ